La vigilia della prima “Uscita”

Sono passati tanti anni, e tante sono le tacche che ho inciso sul mio bastone scout (sì, perché ad ogni uscita sono solito aggiungere una piccola incisione): prima da Lupetto, da Esploratore e da Rover; poi da capo. continuite0Eppure l’emozione prima di ogni attività è la stessa. Anzi, potrei dire che cresce sempre più con il passare del tempo: i ragazzi sono sempre nuovi, alcuni vanno via perché passano in un altra Branca, escono dal gruppo per studio o per altri motivi, e chi resta non è mai come l’Uscita precedente. E poi ci sono i Piedi Teneri, le “new entry”, i “nuovi”, con un misto di entusiasmo e preoccupazione, pronti a lanciarsi in una nuova avventura dalla quale torneranno cambiati e che presto, se Dio e il loro cuore vorranno, pronunceranno solennemente la Promessa.

E così siamo pronti ad una nuova Uscita: così si chiamano le attività che durano una o più giornate e che prevedono di allontanarsi un po’ dalla sede. Per favore, non chiamatele “gite”! I ragazzi vi mangerebbero vivi!!!!

Domani, finalmente, riprenderemo le nostre uniformi e, in pantaloncini e calzettoni, ci lanceremo in una nuova avventura, la prima di una lunga, lunghissima serie.

I ragazzi non sanno ancora nulla: non conoscono il posto, non immaginano cosa faranno. Sognano, come è giusto che sia! pozzanghereChe avventura sarebbe, altrimenti? Scriveva B.-P.: “il ragazzo sa vedere l’avventura in una pozzanghera e il capo, se è veramente un ‘uomo-ragazzo’, deve saper vederla anche lui”.

Si parte così, allora: i ragazzi con tanti sogni ed aspettative; i capi con tanti progetti, con la competenza pratica e metodologica accumulata negli anni e che domani, per l’ennesima volta, sarà messa in discussione. Perché, grazie a Dio, il Grande Gioco dello scoutismo non è mai uguale a sé stesso e, domani, sarà un’altra scommessa. Emozionante, esaltante. Così ciascuno di noi, al termine dell’Uscita, tornerà a casa profondamente cambiato. Il divertimento è solo uno strumento, non è il fine che un capo si prefigge.

Si torna cambiati all’interno, ciascuno in modo diverso. Dopo tanti anni, lo so riconoscere, anche se sono pochi gli scout e i Piedi Teneri che riescono ad esternarlo. Ma, credetemi, si vedrà con il tempo!

Domani si parte, si riparte! Finalmente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...